Peola Simondi Arte Contemporanea

  • Johanna Kandl
  • Matvey Levenstein
  • Manu Muniategiandikoetxea
  • Thomas Scheibitz
  • Nicola Verlato

a cura di Luca Beatrice

Cinque artisti provenienti da diverse aree geografiche e di differenti generazioni, quattro sono stranieri esposti per la prima volta in Italia, dimostrano la natura magmatica, contraddittoria ed evolutiva che contraddistingue la pittura di oggi. Caratteristica comune a questi artisti è il riosservare con opportuna attenzione i codici linguistici interni al dipingere, momenti e movimenti di un’avanguardia già consumata e digerita (astrazione, informale, surrealismo, iperrealismo) utilizzati non con il tipico metodo citazionista dell’era postmoderna, ma rimessi in circolo con inedita propensione analitico-saggista.

Ulteriori informazioni
18 settembre - 31 ottobre 2003

  • Dietmar Lutz

La Galleria Alberto Peola organizza la prima mostra in Italia del pittore tedesco Dietmar Lutz, presentando un ciclo di opere ispirate al romanzo Frost di Thomas Bernhard.
Sono quadri di grandi dimensioni i cui soggetti sono ripresi da fotografie che l'artista ha scattato quando aveva sedici - diciassette anni, e da fotografie recenti di amici. Il paesaggio che fa da sfondo è quello di un piccolo paese nel sud della Germania dove Lutz ha passato i suoi primi diciotto anni.

Ulteriori informazioni
6 maggio - 28 giugno 2003

  • Nzingah Muhammad

Nzingah Muhammad è un'artista afro-americana, nata e cresciuta a New York in una famiglia musulmana allargata composta da un padre, sei madri, trenta fratelli e sorelle. Giovane donna, nera, musulmana, sempre vissuta nel cuore della civiltà occidentale, conoscitrice a fondo della tradizione islamica dell'Africa delle sue radici: assi identitari multipli che Nzingah attraversa nel suo lavoro artistico.

Ulteriori informazioni
4 marzo - 12 aprile 2003

Exposure/Esposizione rimanda sia all'essere esposti allo sguardo in un luogo pubblico, sia al tempo di esposizione della pellicola alla luce affinché la realtà vi si imprima.
Inquadrature di persone in automobili ferme a un semaforo scorrono su quattro monitor allineati. Chiara Pirito ha ripreso le auto in sosta allo stesso semaforo di Atene, per dodici giorni consecutivi, dall'ora del tramonto a tarda sera. Ha selezionato e montato le immagini per un'installazione di video a quattro sequenze, e fissato alcune espressioni in singole opere.

Ulteriori informazioni
14 gennaio - 22 febbraio 2003

«Credo che sia difficile scegliere, decidere che una cosa è più importante di un'altra. Così quello che cerco di fare è scegliere senza dover prendere decisioni». Fedele a questo pensiero, Martin Creed si avvale di cose già esistenti, oggetti del quotidiano o materiali inconsistenti - aria, rumore, luce, una porta - per fare e al contempo non fare, nel tentativo di raggiungere un impossibile equilibrio, un "nulla perfetto".

Ulteriori informazioni
8 novembre - 21 dicembre 2002

Lala Meredith-Vula realizza fotografie in bianco e nero di grandi dimensioni, opere raffinate ed eleganti sotto l'aspetto formale. In esse l'artista cerca di catturare il bello insito nella vita quotidiana, di registrare i momenti di naturale bellezza come si rivelano, anche in situazioni di sofferenza ed emarginazione. Questa ricerca pone il suo lavoro al confine tra documentario e arte, tra sguardo analitico freddo e distante ed empatia del proprio vissuto.
 

Ulteriori informazioni
17 settembre - 31 ottobre 2002

  • Laura Matei

a cura di Francesca Pasini

Nella sua prima personale a Torino Laura Matei presenta tre lavori sul tema della sovrapposizione delle nazionalità.
Il motivo guida è il disegno in bianco e nero delle singole figure.

Ulteriori informazioni
18 giugno - 14 settembre 2002

  • Marco Neri

Il Quadro mondiale di Marco Neri, composto di 192 tele raffiguranti le bandiere di tutte le nazioni, campeggiava sulla facciata del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia del 2001 “Platea dell’Umanità”.
E un’opera di 13 tele raffiguranti le 13 bandiere rosse dei paesi del mondo chiude il nuovo progetto io spazio in mostra alla Galleria Alberto Peola,  lavori inediti degli ultimi due anni, una sorta di viaggio immaginario attraverso immagini di spazio reale e storico, virtuale e simbolico, scandito dai colori blu, bianco e rosso.

Ulteriori informazioni
23 maggio - 15 giugno 2002